Ottimizzazione del blog per i motori di ricerca

Guida al Seo per Blog

Questa guida è la traduzione in italiano (autorizzata), di un articolo originariamente pubblicato su Seo Book .

Sezioni

Premessa

Nonostante abbiamo scritto un libro di oltre 300 pagine sul Seo, sono necessarie soltanto una dozzina di pagine per coprire l’argomento della seo applicata ai blog. Perchè? Via via che le ricerche migliorano, Google e gli altri motori di ricerca acquisiscono una quantità sempre crescente di dati, tale da consentire loro di “raccomandare” e ordinare i blog nelle pagine dei risultati basandosi sul reale gradimento e fiducia che gli utenti ripongono in quei blog.

Cosa sa Google del tuo Blog

Le infrastrutture di proprietà di Google.

I motori di ricerca hanno un’ampia gamma di strumenti di valutazione per i blog. Google conosce del tuo blog molto più di quello che pensi. Considera ciò che Google possiede:

Ricavare il trust [inteso come gradimento] dai dati degli utenti

Se un utente di Goggle si abbona ai feed del tuo blog in che misura Google può considerare l’attenzione e la sottoscrizione da parte di questa persona una misura di fiducia? Per quanto tempo hanno mantenuto la sottoscrizione? Quanto spesso gli utenti interagiscono col tuo sito? Quali altri siti hanno sottoscritto? Con quali altri siti interagiscono? Quanto sono regolari le loro abitudini in fatto di ricerca e utilizzo della mail ?

Se un altro blog ti linka, in che misura Google dovrebbe accettare quel link come un voto per aiutare il tuo sito a posizionarsi meglio? Sono linkati, da quel sito, blog popolari e affidabili? Quante persone si abbonano a i loro feed RSS?

Nonostante servizi come Blogline o MyBlogLog siano in grado di rispondere ad alcune di queste domande, Google può rispondere ad esse in modo più preciso di qualsiasi altra società.

In aggiunta ai dati sopra elencati, Google sa quanto è anziano il tuo sito, con quale costanza hai prodotto contenuti, a con quale ritmo è cresciuta la tua link popularity.

Perchè i Blog sono differenti dai siti statici

La Seo applicata ai blog è differente dalla Seo che si applica alla maggior parte dei siti web, in gran parte a causa dei fattori ‘social’ che sono insiti nella tecnologia del blog stesso. La seo per i Blog è meno legata a pratiche come l’acquisto link o il “truffare” una tecnologia di ricerca inadeguata. Il Seo applicato ai blog è più focalizzato sul dare alla gente qualcosa di cui discutere e sulla creazione di qualcosa realmente meritevole di attenzione.

La natura sociale dei Blog

Gli aggregatori di RSS e feed consentono facilmente agli utenti di sottoscrivere ogni post che scrivi e di ricevere una notifica nel momento in cui pubblichi.

Molti dei lettori dei blog sono autori a loro volta, e molti di loro hanno centinaia di migliaia di abbonati. Se una manciata di bloggers dalla reputazione consolidata syndicate la tua storia questo puà avere un effetto a catena che porta molti dei loro lettori a condividere la tua storia.

I blog popolari che sanno stimolare i lettori a commentare possono avere dozzine o centinaia di commenti per un singolo post, che vanno ad aggiungere contenuti unici per cui la pagina può posizionarsi.
L’ottimizzazione di un blog è più legata al concetto di catturare l’attenzione e ottenere credito per la diffusione di idee che a quello di ottimizzare i testi delle pagine per soddisfare gli algoritmi di rilevanza della ricerca.

Registrazione del dominio e hosting

Servizi come Typepad, Blogger e WordPress ti consento di ospitare il tuo sito come sottodominio dei loro siti. Non farlo! Alcuni di questi servizi offrono un numero limitato di opzioni e/o proibiscono l’inserimento di advertising sul tuo sito. Possono volerci mesi o anni per crearsi un pubblico. Piuttosto che decidere, ad un certo punto, di spostare il tuo sito da questi servizi, ti conviene partire immediatamente con il tuo dominio e installare la piattaforma blog su un servizio di hosting affidabile.

Puoi registrare il tuo dominio a meno di 10 Dollari su GoDaddy.com. Dreamhost è un servizio di hosting affidabile, e offrono la possibilità di installare con un semplice click la piattaforma Worpress sul tuo sito.

Ricerca delle parole chiave

Gli strumenti tradizionali per la ricerca delle parole chiave.

Esiste una vasta gamma di strumenti di ricerca delle parole chiave, gratuiti e a pagamento. Molti di questi tool, come Wordtracker, forniscono l’elenco di parole chiave che gli utenti hanno maggiormente cercato nell’ultimo periodo.

Trend Related Keyword Tools

In quanto blogger, non sei solo alla ricerca di chiavi che sono “storicamente” popolari, ma anche di ciò che è “fresco”. Puoi ottenere informazioni su quello che sta succedendo proprio ora effettuando ricerche su Technorati, Google Blog Search e Google News. Servizi come Google Trends e Yahoo!Buzz mostrano quali ricerche si sono rivelate più popolari nell’ultimo giorno.

Dove utilizzare le parole chiave nel contenuto della pagina

E’ fondamentale utilizzare le parole chiave nel titolo della pagina, preferibilmente all’inizio (o vicino all’inizio) del titolo della pagina. Puoi decidere di usare parole chiave, variazioni popolari delle stesse e frasi collegate nel contenuto della pagina un paio di volte, ma prestando attenzione a scrivere in modo naturale. Assicurati che il contenuto che hai scritto suoni bene ad un lettore umano, poiché questo conta molto di più di quello che pensa lo spider. Se alle persone piace il tuo contenuto e decidono di linkarlo questo si rivela ben più importante di ottenere una pagina ottimizzata alla perfezione ma con un risultato di fondo innaturale e robotico.

I normali strumenti di ricerca mostrano variazioni popolari delle parole chiave, e alcuni strumenti grafici come Quintura rendono semplice visualizzare le parole collegate ai documenti che si posizionano meglio.

Quintura Search

Keeping Up With The Joneses*

(n.d.T. : modo di dire anglosassone, intraducibile letteralmente, che esprime un concetto simile a: “Guarda quello che fanno gli altri e cerca di farlo meglio“)

Meme Trackers

Quali idee circolano oggi? Chi è al centro della conversazione nel mondo dei blog? TechMeme e TailRank mostrano i post recenti più popolari. Sono anche disponibili meme trackers più tematici e di nicchia. World Bank ha lanciato il suo BuzzMonitor come software open source, consentendo a chiunque di creare un meme tracker.!.

YouTube

You Tube elenca i video più popolari del giorno, i più discussi, e i preferiti. Molti di questi risultano irrilevanti per il tuo sito, ma alcuni di questi possono aiutarti a scovare idee che hanno già dato prova di interesse da parte dei social.

Siti di Social News

L’homepage di Digg, la lista Popular di Del.icio.us e StumbleUpon Buzz mostrano argomenti che sono stati recentemente popolari tra i social bookmarkers. Pligg rende semplice creare siti di social news di nicchia.

Concentrarsi sui siti concorrenti

Non occorre che tu tieni traccia di ogni cosa per avere successo. Devi soltanto risultare competitivo per il tuo mercato. Se leggi una dozzina o due di blog del tuo settore, tieni traccia di chi viene linkato e del perchè la gente ne parla, sarà più semplice per te identificare e creare idee e contenuti che meritino di essere menzionati.

E’ facile sottoscrivere ai blog concorrenti del tuo settore abbonandosi agli aggregatori di feed come iGoogle, Google Reader o Bloglines. Puoi visionare i link che puntanto ai blog concorrenti usando Technorati o Google Blogsearch

Scoprire nuove idee

Use le liste di popolarià di cui sopra per scoprire perchè le idee si diffondono nei settori attgui al tuo e le idee del passato che hanno funzionato. Facendo questa ricerca, dovrebbe risultare semplice trasporre le medesime idee al tuo settore per creare idee interessanti. Ogni singolo contenuto che incontri (letture online, libri, foto, magazine, conferenze, esperienze personali, ecc) è una possibile fonte d’ispirazione. Porta con tè una macchina fotografica ed un bloc notes ovunque tu vada.

Puoi tenerti aggiornato sui trend generali del blog leggendo ProBlogger (di Darren Rowse) e Performancing.

Scrivere titoli chiari e coinvolgenti

Cory Doctorow, popolare autore di fantascienza e blogger su Boing Boing, in un intervista ha detto questo riguardo allo scrivere titoli:

Scrivi titoli come se fossi un operatore dei telegrafi

Youtube

Titoli descrittivi aiutano a inserire la tua storia in un contesto, e rendono più probabile che la gente clicchi nel tuo sito quando appare nei risultati di ricerca.

Puoi anche mirare a essere emozionalmente accattivante nei tuoi titoli utilizzando titoli che pongono una domanda o promettono di risolvere un problema. Brain Clark offre molte formule di titoli di successo nella sua serie “Magnetic Headlines

Ottimizzare la struttura del sito

Metti in evidenza i tuoi migliorii contenuti

Fino al Settembre 2007 la mia home [di SEOBOOK , n.d.T] era composta dai più recenti post del mio blog. Nonostante questo aiuti a promuovere i nuovi post sul blog, può disorientare coloro che non sono nel mio campo. Se crei un blog popolare, assicurati che la tua homepage sia in grado di attrarre persone nuove al tuo settore. Guidali attraverso il processo di apprendimento, mostragli dove partire, metti in evidenza i contenuti migliori. Se il tuo sito diventa un business reinvesti parte dei ricavati in tool, aggiungi un forum e nuove opzioni di interazioni che spingano le persone a tornare sul tuo sito.

Molte piattaforme blog ti consentono di mettere in evidenza i post più popolari. Includere una sezione dedicata alle “hit” fa sì che i tuoi visitatori si trovino a solo un click di distanza dai tuoi contenuti migliori, e valorizza i tuoi post migliori, rendendo più probabile che la gente trovi il tuo sito proprio leggendo uno dei tuoi migliori post.

Molti dei tuoi lettori vedono il tuo sito per la prima volta. Fare riferimento ad alcuni dei tuoi articoli più “stagionati” consente loro di capire il quadro di riferimento del tuo blog senza che tu debba continuamente scrivere la stessa cosa nel tempo. Se syndicate contenuto ad altri siti o se siti spam rubano i tuoi contenuti, linkare i tuoi vecchi post aumenta le tue probabilità di ottenre link gratuiti, il che ti aiuterà a posizionarti meglio.

Bloccare i contenuti duplicati

Michael Gray ci fornisce questi trucchi sull’ottimizzazione di WordPress nel seguente video:

  • Inserisci ogni contenuto in una sola categoria.
  • Usa l’opzione “leggi tutto” [il tag <more> n.d.r.] di Worpress per mostrare solo una piccola parte dei tuoi post nelle pagine categoria.
  • Usa il robots.txt per bloccare gli archivi per data ed altre sezioni di disturbo/duplicazione del tuo sito.

Youtube

Joost de Valk offre altri trucchi sull’ottimizzazione nella sua guida Seo a WordPress.

Avvertenza: se è la prima volta che usi il robots.txt assicurati di non bloccare tutti gli articoli con date negli url se le pagine dedicate ai singoli post usano le date negli url. Supponendo che tu enable post slug URLs e usi delle categorie, il file robots.txt per il tuo blog WordPress apparirà così:

User-agent: * Disallow: /*p= Disallow: /*q= Disallow: /*trackback Disallow: /*feed Disallow: /*wp-login

Pagine Categorie e Tag

Crea categorie che siano in linea con le parole chiave collegate al tuo settore. Così facendo creare una struttura di sito che aiuta le pagine categoria a posizioanrsi bene per le parole chiave in esse contenute. Se il tuo sito si concentra sull’argomento “dimagrire”, allora risulterà sensato creare categorie su esercizio fisico, programmi di dieta, pillole dietetiche, e integratori per il controllo del peso.

Se usi sia le pagine categoria che le pagine tag cerca di fare si che non si sovrappongano. Per esempio, non dovresti creare una pagina categoria denominata link building e poi etichettare un buon numero di pagine col tag “link building”. Può essere d’aiuto limitare l’uso di categoria ad una o due dozzine al massimo, invece di avere centinaia di categorie e tag con pochi post asseganti ad ognuno.

Post Vicini & Affiini

Molto blog linkano, in ogni pagina, al post precedente e successivo. Questi link sono utili dal punto di vista dell’usabilità e aiutano i motori di ricerca a spiderizzare più in profondita il tuo sito. Alcuni plugin di WordPress elencano i post collegati sotto quello current, aiutando i lettori a trovare materiale collegato nel caso atterino sulla pagina sbagliata.

Sistema i Title delle pagine

Molti Cms per blog inseriscono il nome del sito prima del nome del post nel TITLE delle pagine dei post individuali. E’ meglio se i TITLE delle tue pagine incominciano, innanzitutto, con l’informazione più rilevante. Esistono numerosi Plugin di WordPress che rendono semplice cambiare la struttura dei TITLE delle pagine
Due popolari sono All in one SEO pack e SEO Title Tag.

Statistiche (Web Analytics)

Un programma di statistiche web mostra:

  • chi linka il tuo sito
  • quali post linka
  • cos’ha cercato la gente che ha trovato il tuo sito

Se sai che tipo di persone ti linkano e perchè ti linkano, è semplice creare altri contenuti meritevoli di essere linkati che gli piaceranno. Se sai per quali chiavi il tuo sito si posiziona bene, allora sai per quali argomenti il tuo sito è ritenuto affidabile, e per quali argomenti correlati dovresti potere posizionare facilmnete. Alcuni blogger ritoccano le pagine ad altro traffico aggiungendo keyword modifiers al contenuto delle pagine, così da ottenrere traffico ulteriore per altre combinazioni di parole chiave.

Google Analytics è gratuito. Discreto anche Mint, che costa 30 Dollari, una tantum, di registrazione per sito. Performancing e MyBlogLog offrono programmi di statistiche orientati specificatamente verso i blogger.

Controversie

Molte persone lasciano che siano le paure a guidare le loro azioni, ma le persone di maggior successo sono guidate più dall’intuizione e dall’istinto che dalla paura.

  • Nessuno ama un bullo. Alcuni blogger sono spaventati dal fatto di incorrere in cause legali o di offendere qualcuno. Quando qualcuno mi fa causa il mio nome, la mia esposizione e i miei profitti crescono improvvisamente. Il che non vuol dire che devi essere imprudente, ma capire che le cause legali illeggittime procurano esposizione mediatica e organic trust.
  • La distruzione creativa fa parte del business. In pochi anni la gente pagherà per diramare le stesse informazioni che oggi vendo. Gli uomini d’affari sono preoccupati di difendere il copyright, ma via via che il web diventa più competitivo saremo già fortunati a ottenere abbastanza attenzione per essere copiati.

Alcuni degli auto-proclamatisi blogger etici giocano, nel loro marketing, al poliziotto buono contro il poliziotto cattivo. In questo video-articolo sul viral, Michael Arrington ha commentato quanto era disgustato da questo approccio. Non poteva essere eccessivamente disgustato da ciò, considerando che l’ha pubblicato sul suo sito, e che quelle visite gli hanno procurato un sacco di soldi.

Sfrutta il push marketing dopo aver lanciato il blog

Essere incisivi

Se sei nuovo all’internet marketing, leggi Purple Cow di Seth Godin per capire come si creano idee remarkable. I link non sono altro che una citazione. Se sai essere incisivo i link arriveranno, ma non senza un po’ di push marketing.

Essere credibili

La maggior parte delle nuove informazioni sono spam e/o roba riciclata. Via via che lo spam utilizza strumenti sempre più sofisticati, i lettori diventano più abili e veloci nel riconoscere l’inormazioni di qualità ad una prima occhiata.

Utilizzare il template di default di Worpress può allontare i lettori. Se usi un template esteticamente ben fatto o commissioni un layout ad hoc questo dimostra che tieni al tuo blog e che hai intenzione di investire nello sviluppo del tuo sito. La formattazione e il design migliorano la credibilità.

Essere facilmente contattabile, indicare il tuo indirizzo commerciale, e pubblicare una pagina “chi siamo” ben strutturata e unica che mostri le tue credenziali rende più facile fidarsi del tuo sito.

Linka gli altri blog.

Siamo più ricettivi nei confronti di messaggi di marketing che coincidano coi nostri biases ed interessi. You can’t get any more relevant than talking specifically about a person. Molti blogger risalgono a chi li linka e ne leggono i post.

Linkare siti web utili e collegati è una delle forme più economiche di marketing possibili. Non limitarti a linkare un altro blog e citarlo, ma assicurati di aggiungere valore spiegando perchè pensi che abbiano ragione o torto. Magari considera di chiedere un feedback ad una persona che rispetti e chiedigli se è interessata a fare un’intervista.

Creazione della Link Popularity

Link Building

I motori di ricerca vedono i link come un segno di fiducia. Se puoi permetterlo, consiglio di far listare i nuovi blog in directory generaliste autorevoli, directory di nicchia e directory di blog. Ecco alcune informazioni di base sul submitting a directory generaliste, e Loren Baker recente ha postato sulle migliori directory di blog.

Pubblicizza il tuo sito

L’esposizione porta altra esposizione. Spendere qualche euro nella pubblicità oggi può voler dire che il tuo blog diventerà popolare qualche mese prima.

  • La pubblicità via Pay per click ti consente di acquisire traffico rilevante dai motori di ricerca.
  • AdWords vanta una vasta rete di webmaster affiliati denominata AdSense. Comprare annunci Adsense e Blog Ads su siti targetizzati ti consente di tarare i tuoi annunci su siti collegati al tuo.
  • Reti di recensioni come ReviewMe ti consentono di comprare recensioni su blog popolari correlati al tuo.
  • La pubblicità su StumbleUpon porta visitatori ai tuoi articoli che proponi ad un centesimo per click.

Comprendere l’efficacia del networking

Vantaggio Cumulativo

Il 15 Aprile 2007 lo studioso di Social Duncan J. Watts ha pubblicato un articolo sul New York Times intitolato “Justin Timberlake è un prodotto del vantaggio cumulativo?” Nell’articolo Duncan metteva in luce la natura sociale delle nostre decisioni:

La gente non prende quasi mai decisioni in piena indipendenza – in parte perchè il mondo abbonda di così tante scelte che abbiamo una minima speranza di trovare autonomanente ciò che vogliamo; in parte perchè non siamo mai sicuri, comunque, di cià che vogliamo; e in parte perchè spesso ciò che vogliamo non è tanto provare il meglio di ogni cosa quanto il provare le stesse cose che provano altre persone e di conseguenza provare i benefici della condivisione.

A causa di questa natura collettiva del processo di prendere decisioni, molte cose restano popolari solo perchè lo sono già.

Sharing Social Proof

  • Commenti: se il tuo sito riceve molti commenti la gente prenderà parte più facilmente alla discussione. Puoi “grassettare” la scritta “lascia un commento” o pubblicare i commenti recenti nella barra laterale per incoraggiarne altri. Rispondere ai commenti spinge le persone a lasciarne altri. Alcuni blogger si alleano, commentando l’uno il blog dell’altro, e viceversa, per fare apparire i proprio blog più attivi.
  • Statistiche dei sottoscrittori: se hai centinaia o migliaia di sottoscrittore potresti volere mostare pubblicamente sul sito tali statistiche.
  • Prendi in prestito l’altrui autorevolezza : chiedi a persone autorevoli del tuo settore feedback o input su un progetto prima di lanciarlo. Se sentono la paternità dell’idea non solo daranno ad essa credibilità, ma si offriranno di promuoverla gratuitamente.
  • Pubblicizza la tua pubblicità: se il tu o il tuo blog siete stati menzionati o citati da mezzi di comunicazione mainstream, mostrare una sezione “visto su” nel tuo sito aiuta a costrutire autorità.

Aggiungi interattività

Le persone leggono i blog perchè li preferiscono alla letture di un intero libro. Includere immagini e video nei tuoi post e suddividere grossi blocchi di testo usando liste puntate rende il tuo sito più facile da leggere (e da condividere)

Organizzare concorsi interattivi e distribuire premi sono due dei sistemi più semplici di spingere gli altri a parlare sul tuo sito, e la conversazione è una chiave ai profitti futuri. Cory Doctorow sul futuro dei media:

Oggi c’è un’esplosione della scelta portata da Internet. Tutti le forrme di intrattenimento sono grosso modo ad un click di distanza. Il costo della ricerca di trovare un altro artista la cui musica o i cui libri o i cui film siano interessanti quanto i tuoi sono virtualmente minimi, grazie a sistemi di raccomandazione, motori di ricerca, e innumeravoli siti fan-based come i blog e Myspace. La tua abilità è emulata da qualcun’altro, da qualche parte e se vuoi competere con successo con questa persona, hai bisogno di qualcosa di più del carisma e dell’abilità. Hai bisogno del dialogo. In quasi tutto i campi artistici assistiamo a storie di successo basate su artisti che instaurano una qualche forma di dialogo col loro pubblico. JMS ha mantenuto in vita Babylon 5 girando sui newgroup dei fan. Il blog di Neil Gaiman si fonda quasi interamente sulla conversazione con migliaia di lettori simultaneamente. Tutte le band indie che hanno raggiunto il successo su Internet atrraverso message boards e mailing list, gli autori indipendenti di documentari come Jason Scott, autori di fumetti come Warren Ellsi con il suo LiveJournal, blog, mailing list, ecc …

Sfrutta i più diffusi canali per creare trust ed esposizione.

Le community dei forum tendono ad avere grossi flussi di traffico. Partecipare a discussioni popolare può aiutarti a farti un nome là fuori. Le community dei forum sono un ottimo posto per cercare spunti per i contenuti. Se le persone pongono determinate domande nei forum allora domande simili verranno poste ai motori di ricerca.

Scrivere articoli in qualità di ospiter per siti popolari ti consente di beneficiare della risonanza del loro brand, del loro trust presso gli utenti e di traffico gratuito.

Alcuni blogger ospitano “blog carnivals” per creare esposizione e equità dei link.

Lasciare commenti utili e rilevanti su blog collegati al tuo può condurre quei blogger a sottoscrivere il tuo blog e altre persone a visitare il tuo sito.

Mostra le tue critiche

Avere costanti e originali pregiudizi e opinione rende semplice per gli altri che condividono i tuoi dubbi e la tua visione del mondo fidarsi di te e diffondere il tuo messaggio. La maggior parte (forse tutti ?) i blog politici più popolari sono pesantemente critici.

Per i profitti, aspetta

Se il tuo sito piazza immediatamente annunci sopra il contenuti sarà pressochè impossible che cresca e sottragga quote di mercato dai leader più affidabili del tuo settore.

Prepara una rete di sicurezza

Se in molti leggono e si fidano del tuo sito, allora Google è più dipendente da te di quanto tu non lo sai da lui, il che rende più difficile per Google penalizzare il tuo sito per paura della pubblicità negativa che potrebbe costargli agire in tal senso.

La recente presentazione di Aaron a Blogworld sul Seo

Questa presentazione illustra perchè guadagnare attenzione è fondamentale per la crescita del blog in un settore competitivo.

Vuoi saperne di più sulla SEO?

Le basi del Seo sono state pubblicate molte vole ed in molti posti. 4 luoghi gratuiti per incominciare ad imparare sul Seo sono Work.com: Learning SEO, Blogoscoped: The Basics of Search Engine Optimization, SEOMoz: The Beginner’s Guide to SEO, and Dan Thies’ SEO Fast Start.

Qui “blogghiamo” sul seo e sull’internet marketing e Lee Odden ha una vasta lista di oltre 400 blog sulla ricerca. Abbonati al nostro feed RSS per tenerti aggiornato sulle ultime notizie legate al mondo dei motori di ricerca.